Indagini biologiche-morfologiche-chimico fisiche

Indagini Biologiche, morfologiche e chimico fisiche

Sono attività di indagini di tipo biologico (flora e fauna), morfologico, chimico-fisico che permettono di valutare la qualità degli ambienti acquatici e terrestri al fine di ottenere dei dati oggettivi sullo stato ambientale, segnalando l'addove sono necessarie tutte le problematiche indotte da fattori di perturbazione o inquinamento o da significative alterazioni fisiche.

Monitoraggio ittofauna e carta ittica

La carta ittica è uno strumento necessario ed indispensabile per conoscere gli ambienti fluviali. E’ necessario per la progettazione di qualsiasi intervento che comporti alterazioni fisiche del luogo (Grandi opere). Consente di programmare la gestione dell’ittiofauna e di acquisire tutti gli elementi di base che regolano la dinamica delle popolazioni ittiche presenti negli ambienti interessati alla realizzazione di grandi opere.

Studio d'incidenza o S.INC.A

La direttiva “Habitat” ha introdotto la procedura preventiva dello studio di incidenza ed è necessario realizzare prima della realizzazione di qualsiasi piano o progetto che possa avere incidenze significative su un sito facente parte della della rete Natura 2000, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti e tenuto conto degli obiettivi di conservazione del sito stesso.
Natura 2000 è il principale strumento della politica dell'Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'Unione, istituita ai sensi della Direttiva 92/43/CEE "Habitat" per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati a livello comunitario.

 

I commenti sono chiusi